So long Ken

Avrei voluto da tempo scrivere qui di come sta cambiando la mia vita. Quando la vita corre non si riesce a scriverla in un blog.

Negli ultimi tre anni ho fatto tre università, per qualche mese due alla volta, ho scritto tre libri e sono diventata presidente del comitato locale di una società letteraria fondata nientemeno che da Carducci;

All’origine di questa storia di sudore e fatica – ché sotto i capelli bianchi ci sono anche i neuroni arrugginiti e l’orgoglio di puntare per forza al miglior voto e ho talmente stretto i denti che ancora non riesco a smettere di serrare la mascella di notte- c’era la decisione di trovare un lavoro da fare in questo Paese che ci ha accolti, da qui alla pensione.

Io ho avuto la grande fortuna di poter ricominciare da zero, ci ho messo parecchio a vederla come tale, mi sentivo come quelli che al Monopoli pescano la carta ricomincia dal VIA, solo che il mio VIA era quarant’anni prima e a sud delle Alpi.
Ma a un certo punto ho capito che era una gran fortuna, come avere davanti una pagina bianca su cui poter scrivere il seguito della propria storia.

E in come io ho deciso di scrivere quel seguito c’entra molto Ken Robinson, che ha scritto e detto le parole giuste per me, quelle che avevo bisogno di sentire, nel momento in cui ne avevo più bisogno.

Nel seguito della mia storia ho scritto che voglio continuare a scrivere storie.
Ci ho messo una vita a capire che era quello il mio elemento; Ken dice che una delle difficoltà a capire quale sia il nostro elemento, è che facciamo fatica a prendere sul serio le cose che ci vengono facili e che pensiamo sia normale, non che sia un nostro talento. Quindi per molti decenni, nessuno ha pensato che io fossi brava a raccontare storie, molti che io fossi chiacchierona. E intanto io non sapevo che vedere le storie che racconto, sia una mia dote e non qualcosa che succede a tutti.

E invece io, Carlotta, Nina, Lin e Chiara, le mie ragazzine di cui fra poco uscirà la seconda avventura, le vedo proprio mentre le racconto, se mi concentro sento anche l’odore, e potrei andare avanti a raccontarle finché ci saranno occhi che vorranno leggerle.
La cosa più difficile è scrivere abbastanza veloce per acchiappare tutti i dettagli che mi passano davanti agli occhi. E grazie a Ken Robinson ho capito che questa magia me la devo tenere stretta, farle spazio nella mia vita, fino alla fine dei miei giorni.

Nella mia pagina bianca ci ho anche scritto che nella seconda parte della mia vita, io posso solo fare un lavoro che restituisca qualcosa di quanto ho ricevuto e sia utile non solo a me. E che mi permetta di uscire dalle mie storie e stare con altre persone, meglio se giovani come nelle storie.
E strizzando l’occhio a Ken, mi è stato subito chiaro che voglio essere una brava insegnante, di quelle che non si lasciano sfuggire il talento di Paul Mc Cartney (Ken era di Liverpool come i Beatles e nel suo libro ne racconta un pezzo di storia).

Ed ecco il mio progetto, insegnare italiano e arte, scrivere e disegnare storie.
Il Paese in cui vivo è generoso su molte cose, ma non sul riconoscimento dei titoli di studio. Quindi per poter realizzare il mio progetto ho dovuto fare grande esercizio di umiltà e parecchia fatica. Ma se c’è una cosa che so fare è studiare e così ho fatto, stringendo i denti. E le soddisfazioni stanno arrivando a mazzi.

E ora che sono a un passo dalla meta, ho il magone di non poterlo più incontrare come speravo, e dirgli: Ehi Ken, grazie, avevi ragione, vale sempre la pena di ricominciare, per essere felici.

Progetti del cuore: teenimmigration

L’ho detto spesso quanto sono orgogliosa di essere amica da molti anni di Elena Granata e delle sue sorelle Anna e Chiara.
Elena ha iniziato una recente intervista dicendo che le cose importanti nella vita capitano per caso. Per caso noi ci siamo laureate lo stesso giorno, abbiamo avuto il primo figlio nello stesso anno, poi la seconda e il secondo, la terza e il terzo. Ci uniscono cene e vacanze con i figli piccoli, poi adolescenti. Poi, per caso, io sono emigrata e lei ha aperto le porte di casa a uno, poi due, poi ho perso il conto a quanti, ragazzi minorenni arrivati da lontano, da soli.
Mentre io e i miei ragazzi affrontavamo le asperità dell’emigrazione sul tappeto rosso, della generazione dei cervelli in fuga a cui paesi come la Svizzera spalancano le porte, ma che nei cortili della scuola deve ancora fare i conti con il più becero dei razzismi “facciamo che gli italiani sono i mafiosi e gli svizzeri sono la polizia” o aggiornandosi ” facciamo che gli italiani sono i pizzaioli che evadono le tasse e gli svizzeri la guardia di finanza”; intanto Elena e le sue sorelle si inventavano https://www.teenimmigration.it/ ricerca che più sul campo non si è vista. Loro il campo se lo sono portato in casa, inziando per caso con una vacanza tre anni fa, in cui le tre sorelle hanno accolto tre ragazzi minorenni africani ospiti di una comunità, per dar loro l’opportunità di entrare in una casa e dividere la vita di una famiglia italiana anche solo per pochi giorni.
I giorni sono diventati di più e le famiglie intorno a loro continuano ad aumentare. Perché non si tratta semplicemente di fare una buona azione, quello che abbiamo da imparare da questi super-ragazzi, come amano chiamarli, è più di quanto abbiamo da insegnare. Loro sono partiti bambini in cerca di fortuna, per aiutare la famiglia hanno affrontato viaggi e pericoli inimmaginabili, ma continuano ad avere l’età dei nostri figli, sogni e speranze non così differenti anche se maturati per forza alla velocità del viaggio. E il passaparola del quartiere trova spazio a quaranta ragazzi, che sono una goccia nei 45.000 minori non accompagnati oggi in Italia. Ma se l’iniziativa di tre famiglie crea accoglienza, ma soprattutto possibilità di un futuro, per decine di giovani, allargando un poco il passaparola chissà dove potremmo arrivare…
Io sono emigrata, emigrazione di lusso, ma cinque permessi di soggiorno da rinnovare, i miei titoli di studio considerati tappezzeria, una lingua nuova da imparare, li considero il mio contrappasso. Non posso aprire le porte di casa, ma ho scelto di lavorare in una scuola pubblica dove in ogni classe si incontrano dieci nazionalità e altrettante lingue, e di fare la mia parte per passar parola.

16 maggio 2019

Questa faccenda di dover essere sui social mi confonde un po’, e alla fine rischio di dimenticarmi dell’unico spazio che è solo mio. E poi mi dicono che quello che è sulle piattaforme di Zuck resta suo per sempre. Allora senza fare polemiche, mi scoccia un po’ che le mie pagine, che sono l’unica cosa veramente mia, siano poi di qualcun altro. E che questa data così importante, oltre ad essere un ragguardevole compleanno della mia attivissima mamma, non rimanga nella memoria di lales. Ho aperto questo blog per poter tenere insieme i pezzi delle cose disparate che faccio. Quindi ecco qui: oggi 16 maggio 2019 è il giorno di quello che si usa definire il mio esordio narrativo.
Detta più semplice, arriva in libreria Il codice delle ragazze, una storia che per me continua a chiamarsi Crac come avevo immaginato, ma soprattutto è la storia – inventata- di Lin, Carlotta, Chiara e Nina quattro ragazzine di tredici anni a cui voglio molto bene.
E se ora son capace incollo qui anche il video in cui leggo la dedica. (non ci riesco, mi viene solo il link, l’ho detto che coi social mi confondo)

https://www.facebook.com/alessandra.spada.9022/videos/vb.1603175488/10216893020430118/?type=2&video_source=user_video_tab

e anche questo per chi volesse proprio comprarlo subito….

https://www.amazon.it/gp/product/8828201274/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o00_s00?ie=UTF8&psc=1

Se son donne fioriranno, di Margherita Belardetti

Margherita Belardetti, Se son donne fioriranno, Piemme

Per i miei figli è sempre stata la zia Marghe, mamma delle Volpi, e ha abitato in Valsesia, ben prima che lo facesse davvero. Per me è un’amica, prima di mia madre, poi soprattutto mia, senza la quale non avrei la mia adorata casetta tra i monti, tanti intramontabili pezzi di lessico familiare e indimenticabili passeggiate ben concluse con le gambe sotto il tavolo.
Ha sempre scritto e disegnato, conservo dei meravigliosi fumetti d’incoraggiamento che mi mandava da Vienna quando io dodicenne giacevo immobilizzata dopo essere stata investita da un’auto, e i miei figli hanno vissuto la meraviglia di trovare una lettera a loro indirizzata e meravigliosamente illustrata, sulla fontana di un alpeggio in cima ai bricchi.

Oggi però la zia Marghe ha scritto un libro da grandi. E se da tempo penso che vorrei crescere come lei, libera e un po’ bizzarra, sgambettante tra i monti scrivendo e disegnando, queste pagine me ne danno un motivo in più.
La sua Elisa ha sessant’anni, è divertente ed emozionante, alla faccia di quelli che dicono che le donne invecchiano peggio degli uomini, o che agitano lo spauracchio del nido vuoto.

Va là dai, che abbiamo un sacco di cose di fare, liberiamoci le mani e il tempo, che la vita è tutta davanti.
Come direbbero di un film: si ride, si piange, ci si commuove.

è questione di colonna sonora

Sono sempre più convinta che quella cosa che alcuni chiamano karma, destino, universo, assomigli parecchio a una colonna sonora.
Come se la vita fosse una danza di cui noi possiamo scegliere i passi ma non la musica. Resta quindi parecchia libertà, ma almeno un po’per vivere bene, bisogna accettare la musica che ci è stata assegnata.

Per quanto mi riguarda sono abbastanza sicura che nel mio repertorio il pezzo forte sia quella musichetta che a tutti ricorda i giocolieri del circo, tatta tara tara tatta tara…
Per parecchio la cosa mi ha fatto paura e imbarazzo, io volevo essere normale, aggraziata, elegante. Circondarmi di cose semplici, minimal, understatement e di classe.

Invece appena mi muovo intorno a me sembra addensarsi un ciclone. Col tempo ho scoperto che in quei cicloni succedevano anche un sacco di cose belle e che quelle arrivano a ondate. Un po’ ci ho fatto l’abitudine, un po’ ho imparato a danzare. Ora sento la musichetta che comincia e mi dico: via, si va, siamo in ballo. E alla fine arriva sempre una sorpresa.

Questa settimana il circo impazza, stanno succedendo cose bellissime, alcune molto attese, altre decisamente impreviste.

Per gentilezza settimana scorsa ho accettato di rispondere ad alcune domande di una giornalista svizzera. Credevo si trattasse di una cosa rapida, al telefono. Tema l’Italia in Svizzera. Mi è sembrato giusto farlo. Non avevo aguzzato bene le orecchie, il circo era in arrivo.

Le domande non erano al telefono, domani pranzo con la giornalista, poco male, proverò un ristorante a Losanna. Stamattina però è suonato il telefono:
– Pronto Alessandra? Ciao sono Salvatore, il fotografo, ti chiamo per organizzare lo shooting a casa tua. Scusa se non si sente bene, sono in un’isola vicino a Helsinki per un servizio su come i finlandesi cucinano nella sauna. Posso essere da te venerdì pomeriggio, va bene?

Venerdì pomeriggio dalle mie parti è la sera dell’amnistia; per entrare in casa tocca scavalcare le sacche di tutte le attività sportive della settimana depositate in ingresso; è quel momento in cui se fossi in Italia in questa stagione tireremmo tardi al parco e qualche genitore porterebbe una birra; poi direi a tutti di andarci a mangiare una pizza per non vedere lo stato della casa, ma vivo in Svizzera dove una margherita costa più di venti franchi. Allora chiudo gli occhi e mi abbaglio davanti al frigo vuoto, aspettando il sabato quando faremo spesa e pulizie.
E uno shooting io non lo faccio da quando avevo vent’anni. Il mio parrucchiere è a Milano e io non so più come ci si trucca.
Ma Salvatore mi ha garantito che di sicuro sarà più facile che coi finlandesi.

Passo e chiudo

– Pronto, Michela?

Ah, sì, salve signora Spada, non sa quanto l’ho pensata! Allora? Come va? È contento? Che dice? Ha chiamato?

-…?? Mhhh…ecco veramente io,… chiamavo lei per avere notizie. Cioé non voglio fare la mamma assillante e disturbare voi, ma dopo che lo abbiamo lasciato all’aeroporto da solo alle sei di mattina di martedì non abbiamo ricevuto nessuna notizia. So che voi sconsigliate di chiamare e non vorrei violare le regole, sono anche ottimista per natura e poco ansiosa, No news good news, e poi immagino che se non avesse trovato la tutor o fosse nei guai qualcuno ci avrebbe chiamato, almeno Scotland Yard…

Cosa??! Sta dicendo che non vi ha scritto neanche un messaggio per dire che era arrivato!!?? E no! Adesso lo chiamo io! Noi insistiamo sui telefoni, perché ci sono ragazzi svizzeri che passano un anno attaccati allo schermo chattando con gli amici al villaggio, ma un messaggio è il minimo! Ci ha presi troppo alla lettera! Ora ci penso io!

Ma, no, grazie, Michela non si preoccupi, vedrà che chiamerà quando arriverà in famiglia, immagino che se ci fossero problemi almeno lei saprebbe…

Ah, sì, certo, i colleghi inglesi ci hanno confermato che i ragazzi sono tutti arrivati sani e salvi e il camp procede per il meglio!

Questa è una bella notizia, ma quindi come funziona il camp, ci sono tutti i ragazzi svizzeri e poi domani li dividono per le varie famiglie?

No, l’arrival camp è con i ragazzi da tutto il mondo, tipo un jamboree, sono minimo sessanta e anzi di solito di più, per la maggior parte ragazze. Stanno insieme in ostello e in questo caso è un campo speciale con sightseeing per Londra. Dura fino a sabato poi vengono smistati dalle varie famiglie in giro per l’Inghilterra.

Ahh ciaone, adesso capisco, sono più di sessanta e per la maggior parte ragazze, insieme in ostello e in giro per Londra. Allora non ci preoccupiamo Michela, chiamerà, non siamo certo la sua priorità. Ci sarà tempo per fargli il discorso sulla buona educazione.
Quindi arriverà in famiglia sabato e lundì comincerà la scuola, bella prova! Comunque grazie delle informazioni Michela, è sempre gentile, buon lavoro cercherò di non disturbarla troppo. Arrivederci.

Ma no, signora mi raccomando mi faccia sapere, appena chiama o manda notizie, mi tenga informata, ci tengo.

Grazie ancora, certo, ma credo che sia più facile che sia lei a dare notizie a me!

… 3 minuti dopo

Cara Alessandra

La risposta di InterStudies é rincuorante 🙂 

That is a good sign – that G is happy and having a good time 🙂 

The arrival camp finishes on 01.09.2018 – and his host family are due to collect him at Exeter on Saturday evening at approx.. 5pm.

He is due to start school on the 5th September.

Che sia una buona serata ancora, Michela 

Passo e chiudo

 

Il giorno dell’apnea

Oggi è il giorno dell’apnea.

Il mio ragazzo è partito per dieci mesi.
Tutti mi chiedono e tu come stai?
Contenta, rispondo.

Lui era veramente contento, emozionato, stordito, indurmento per la levataccia sommata alla serata fuori con gli amici.
Bello come solo gli adolescenti sanno essere.
Si usa dire bellezza acerba. Ma a me sembra proprio una bellezza in fiore, in tutta la sua pienezza.
Tipo che la natura a quest’età sfoggi il meglio, è il momento di riempirsene gli occhi.
Come un verduraio la mattina presto al mercato mette in fila la merce lucida in ordine di colore, non si può fare a meno di guardarla e gioirne.

Per questo sono contenta.
E orgogliosa.
Io ho fatto la mia parte, l’ho messo al mondo e molto altro.
Ora sta a lui portare per il mondo tanta meraviglia e farne qualcosa di buono.

Mi dispiace un po’ di non potermene riempire gli occhi tutti i giorni. Sconsigliano di sentirsi spesso, aumenta la nostalgia. E assolutamente non bisogna andarlo a trovare. Quindi mi tengo la mia curiosità. Ci sono sempre stata. Il primo giorno di ogni nuova scuola. E mi sono riempita la pancia oltre agli occhi. Ma so che è il momento di farmi da parte, che il cordone ombelicale alla lunga soffoca. Lui si è già giocato i bonus cordone alla nascita, è ora che vada.

All’aeroporto mi ha abbracciata e gli arrivavo al petto, è ancora ossuto, ma ben più alto di me e anche di suo padre.
E lì è cominciato il conto alla rovescia.
Non posso essere sicura che tornerà, potrebbe piacergli talmente tanto da voler restare, gli abbiamo lasciato aperta quella porta.
Comunque non tornerà più lo stesso.
Chissà se mi butterà ancora le braccia al collo come un alano.
O mi dirà: “mamma ho le labbra screpolate”, alla fine al gate gli ho detto: “tienitelo il burro cacao” e adesso ce le ho screpolate io.

So che se la caverà.
Se solo risparmierà il tempo sprecato a litigare coi suoi fratelli per chi apparecchia la tavola o idiozie simili, avrà molto da investire su di sè.

Farà bene anche a noi. I suoi fratelli avranno spazio per dire scemate senza il suo sguardo severo. La sera potranno guardare un cartone animato senza discussioni.

E in un attimo giugno sarà qui.

Dovremo piantare i pomodori senza di lui, ché guai a fare un’estate senza il suo raccolto.

Gli ho nascosto una lettera nello zaino.

Quello che non gli ho scritto è che gli auguro di trovare il suo posto nel cuore, ché quello nel mondo può cambiare tante volte.

Con suo fratello quest’estate abbiamo letto Quando Hitler rubò il coniglietto rosa. Alla fine Anna guarda Parigi, stanno partendo ancora una volta, dopo essere fuggiti da Berlino prima in Svizzera. Parla con il suo babbo:

“Ci torneremo” disse il babbo.

Lo so” disse Anna. Allora si ricordò di quello che aveva provato quando erano tornati alla pensione Zwirn per le vanze e aggiunse: ” Ma non sarà più lo stesso…Parigi non ci appartiene. Credi che troveremo mai un posto che ci appartenga veramente?”

” Credo di no” disse il babbo. “Non potrà mai essere come per coloro che hanno trascorso tutta la loro vita nello stesso luogo. Ma sentiremo di appartenere un po’ a tanti posti diversi, e mi pare che anche questo sia altrettanto bello.”

Questo è il meglio che posso augurare ai miei ragazzi.

Cambio destinazione

Allora il mio ragazzo parte.

Non è per niente preoccupato, dice. Bene.
A parte che ci sono parecchie cose da fare e lui mi sembra molto molto rilassato, ma meglio così che il contrario.

Settimana scorsa per mettere un po’ di pepe sull’attesa, ci hanno comunicato che la mamma single che avrebbe dovuto ospitare lui e Carl, studente tedesco di cui non sapevamo nulla, ma nel quale riponevamo molte speranze, almeno di rispolverare il tedesco, beh insomma mamma Maria si è tirata indietro. Ha dei problemi e non se la sente di ospitare per quest’anno.

Il ragazzo rilassato ha mostrato un minimo di preoccupazione, poi ci ha messo sopra molte ore di sonno di seguito.

Noi ci siamo un po’ dispiaciuti, ce lo eravamo già immaginati al mare nella casetta con Maria e le sue bambine,  ma si sa immaginare troppo è una tecnica dell’ansia.  La scuola ci sembrava ottima e avevamo già anticipato i costi extra per il corso di letteratura francese, ché non possiamo permetterci un rientro a volo libero nel liceo francofono l’anno dopo.

Oggi ci hanno comunicato che una nuova famiglia si è resa disponibile e che non ci sarà bisogno di cambiare scuola, bene.

Ma dato che il destino è beffardo, la nuova famiglia sarà sì al mare, in quel bel posto sulla Manica che già ci immaginavamo.
Ma invece di una modernissima mamma single con due fatine che amano frozen, sarà una specie di tribù con cinque figli che vanno dai tre ai dodici anni. Tutti pigiati in una semidetached house.
Il mio ragazzo sarà sempre il maggiore, si vede che è il suo destino, ma in una sorta di contrappasso per tutte le volte che si è lamentato dei suoi fratelli, dovrà dividere casa con tre fratelli e due sorelle minori.
Tipo un po’ l’Apprendista Stregone quando cerca di abbattere la scopa e gli si moltiplica sotto gli occhi. E per non sentire troppa nostalgia, ci saranno anche due gatti.

Almeno quando tornerà apprezzerà la pace della nostra silenziosa casetta…

Come i Croods

 E così la nostra casetta sta prendendo forma. 

Non posso dire che non sia più un cantiere, data l’intensa frequentazione di operai e l’enorme ammasso di detriti che ancora invade il giardino.

Non posso dire che sia in ordine, la situazione è più o meno quella in fotografia, ci vorrà del tempo che per ora sembra prigioniero dell’effetto domino. Se l’elettricista non finisce, noi non possiamo montare gli scaffali nel seminterrato. Se non montiamo gli scaffali nel seminterrato, non possiamo riordinare il piano terra.
Se non possiamo sgomberare il piano terra, non abbiamo una stanza dove dormire.
Insomma tutta una catena di periodi ipotetici piuttosto faticosi.

Ma non so perché, d’improvviso questa fatica mi sembra più leggera.
Forse che siamo arrivati a uno stato di stanchezza ormai lisergico.
Forse perché ridurre di due terzi il numero dei figli grazie agli scout, alleggerisce di per sè.
Di sicuro ogni volta che faccio la pipì coi piedi sulle margherite che ho disegnato io, l’umore mi migliora.
Il fatto poi di possedere addirittura un bidet, da ieri in funzione, è emozionante.

E anche dormire tutti insieme, nell’unica stanza veramente finita, noi per terra di fianco al letto a castello, uno sopra l’altro come i Croods, con i gatti che si infilano felici nei buchi facendo le fusa, ché finalmente questi umani hanno capito il senso della famiglia, anche questo ha il suo fascino.

E una volta tanto voglio sistemare questa casa con calma, nessuno ci corre dietro, per la prima volta, dopo tanto tempo.
È un lusso che mi voglio godere fino in fondo.

 

cantiere mediterraneo

Le radici sono importanti.
Ce le si porta dietro per tutta la vita.
Ovunque si vada.
E noi che siamo partiti grandicelli e non siamo andati neanche troppo lontano, non abbiamo fatto altro che allungarle un pochino, il ché le ha solo rinforzate.
E si vede.

Per quanto tentiamo minimamente di integrarci nel panorama elvetico, di darci un contegno alpino, comprare casa, fare ordine nelle nostre vite, il Mediterraneo ci appartiene, anche a chi tra noi non lo vuole ammettere.
E si palesa in modi più o meno inattesi.

Già dall’acquisto della casa avremmo dovuto capirlo, siamo penetrati nel cuore germanico della signora Gertrude, e lei avrebbe voluto pranzare con noi per festeggiare il passaggio di proprietà.
Contagiata, da me sicuramente, settimana scorsa si è spinta fino a telefonare al capo famiglia, nel pieno di un consiglio di facoltà, per dirgli che passando, probabilmente la casa di riposo li ha portati in gita, aveva visto una persiana che sbatteva e temeva fossero entrati i ladri.
Mai si è data tale sollecitudine tra i suoi avi teutonici. Immagino il giubilo di mio marito nel rispondere al suo teutovodese.

Passati poi al cantiere, le demolizioni hanno rivelato muri costruiti con decine di tipi di mattoni diversi, di chiara ispirazione paleocristiana, praticamente abbiamo comperato una basilica. Diciamo che scaldare la villa di Nerone sarebbe più semplice, ma ci stiamo attrezzando.

Ma la rivelazione dell’ineluttabile presenza mediterranea nelle nostre vite si è avuta con la scelta di materiali e manovalanza. 

Dopo mesi di alambiccamenti, richieste di preventivi, tentativi di comprendere come funzionino il lavoro artigianale, l’importazione di merci, la certificazione degli impianti, sotto la bandiera rosso crociata, siamo arrivati a produrre una Babele. 
Il puzzle comprende, fornitori siculi di sanitari tedeschi, questo perché la fiducia prima di tutto e perché ogni volta che telefonavo per chiedere un informazione, dietro al Prònto? palermitano, sentivo il rumore del mare.
Ad essi si aggiungono muratori portoghesi, elettricisti spagnoli, idraulici albanesi, imbianchini e parquettisti lombardi.
Tale scelta ogni tanto produce qualche piccolo cortocircuito, tipo la vasca da bagno depositata oggi sul marciapiede senza preavviso.

Ma anche un simpatico clima di collaborazione per cui il muratore portoghese ha telefonato all’elettricista spagnolo che ha avvisato l’idraulico albanese, che spero sia andato a portare dentro la mia vasca e il mio gabinetto, altrimenti a fine giugno gli mando a casa mio figlio minore con tutta la sua scorta di topolini per le sue sedute di 45′ sul trono. 

In tutto questo il cantiere pare avanzare. Si continua a demolire alla caccia di una fogna misteriosa. Ma si costruisce anche qualcosa e si posano dei tubi talmente nuovi e moderni che la nostra casetta pare raddrizzarsi tutta fiera delle attenzioni.

 

Resta comunque traccia della nota creatività ed estro mediterraneo anche nella posa di attrezzature di precisione elvetica, perché appunto le radici sono importanti.

Intanto per spingerci ancora più in là, dall’altra sponda pare che siano partite le mie piastrelle. In questo momento le mie margherite stanno viaggiando dal Marocco verso le Alpi, preparerò il marciapiede per la prossima consegna.